Free ShipmentWarranty 24 monthsMade in Italy

Il fine settimana di Ocarina #57 Segni New Generations festival – Mantova

Si conclude domenica 5 novembre a Mantova Segni New Generations, il festival internazionale d’arte e di teatro per l’infanzia.
Per 8 giorni artisti di vari paesi d’Europa e del mondo si danno appuntamento in città per spettacoli, laboratori, percorsi d’arte e performance che mescolano tra loro musica, pittura, recitazione, danza e scultura e che sono rivolti in modo particolare a un pubblico d’età compresa tra i 18 mesi e i 18 anni! 

Nato 12 anni fa per far avvicinare i più piccoli al mondo artistico, il Festival ha saputo trasformarsi ed evolversi così come i tempi e le tendenze. Oggi il New Generations è dedicato al mondo delle scuole, delle famiglie e a tutti coloro che amano il teatro, la ricerca e i linguaggi delle arti.

Il programma prevede oltre trecento eventi che si tengono nelle più belle location della città di Mantova. Palazzo Ducale, Teatro Bibiena, Sala delle Cappuccine, Palazzo Te, Palazzo Broletto e molti altri spazi della città che si trasformano per l’occasione in luoghi di teatro tutti da scoprire. 

Ogni anno il festival è rappresentato da un animale che, disegnato dai più grandi artisti – gli scorsi anni da Altan, Bergonzoni, Sanna, Moretti – diventa il simbolo dell’edizione, dando vita ad un’operazione artistica che coinvolge oltre 5.000 partecipanti da tutta Italia.
Protagonista dell’edizione 2017 è la chiocciola, disegnata dalla cantante Giorgia. Simbolo della lentezza e della costanza, la
 chiocciola, con il suo guscio a forma di spirale, rimanda anche all’idea di evoluzione costante: parte da un punto per allargarsi, crescere, accogliere. 

Lentezza, consapevolezza e incontro sono quindi le parole chiave che quest’anno accomunano le esperienze a teatro, i momenti ludici, i laboratori.

Attorno al concetto di tempo che si dilata e cambia a seconda di come lo viviamo gioca lo spettacolo Un Giorno, messo in scena dal Teatro all’Improvviso da lunedì 30 ottobre a domenica 5 novembre, presso il Teatro San Leonardo.

Da non perdere anche sabato 4 domenica 5 novembre il viaggio lento a tempo di musica fra i miti che hanno ispirato Il Signore degli Anelli: presso il il Teatro Bibiena si terrà Il Ritmo della Norvegia fra note e miti boreali grazie ai musicisti Paolo Bonati, Roberto Dani e all’attrice Sara Zoia.

E ancora viaggi ma in bicicletta e controvento la storia di emancipazione di Alfonsina Strada raccontata in Ruote Rosa. Lo spettacolo è prodotto dal Teatro-Residenza Initinere e va in in scena al Centro Contardo Ferrini sabato 4 e domenica 5 novembre.

Per le famiglie il tempo rallenta e si fa scoperta alla Chiocciolateca nel Palazzo dei Bambini in piazza Alberti animato dalla didattica del Parco del Mincio con Alkèmica, tutti i giorni da mercoledì 1 a domenica 5 dalle 10 alle 12 e dalle 14 alle 17.

Il Programma prevede tantissimi altri appuntamenti pensati per diverse fasce di età. 

Qui è possibile consultare l’elenco degli spettacoli, eventi e incontri esauriti e ancora disponibili… in costante aggiornamento! 

Oggi Ocarina ascolta #28 La Pimpa – Nuvole a primavera

E’ finalmente arrivata la primavera e noi vogliamo festeggiarla insieme alla Pimpa, la cagnolina più famosa d’Italia, la più amata dai bambini. Si intitola “Nuvole a primavera” il racconto che abbiamo scelto per l’occasione, in cui la cagnolina a pois rossi magicamente colora di bianco le nuvole grigie dell’inverno, trasforma il cielo in un bel blu acceso, e finalmente fa risplendere il sole!

Nata nel 1975 sul Corriere dei Piccoli, una delle riviste storiche per bambini dell’epoca, dalla matita di Francesco Tullio-Altan, la Pimpa ha conquistato  non solo il cuore di generazioni di piccoli lettori ma anche l’approvazione di genitori ed insegnanti. Tutt’ora i bambini, soprattutto i più piccoli, amano il mondo fantastico della Pimpa, dove tutto è possibile, fatto di animali parlanti e di oggetti animati con visi e anch’essi parlanti. 

Così come spiega il fumettista Tullio-Altan che inventò il personaggio ispirandosi proprio all’atteggiamento della figlia, la Pimpa piace ai bambini perché fa un gioco che loro amano molto, quello di animare tutto ciò che li circonda. E’ un’attività che stuzzica la fantasia dei piccoli e crea tra loro e Pimpa un forte legame affettivo. I bambini si identificano con lei perché percepiscono il mondo nello stesso modo.

La Pimpa offre inoltre uno spaccato di vita serena, dove tutto è molto avventuroso, ma anche tranquillo, senza tempo e i bambini possono rilassarsi, abbandonando i ritmi frenetici a cui spesso sono abituati. Sorridente e piena di vita, la cagnolina esplora il mondo attorno a sé, magari volando in aeroplano fino in Africa, andando con il razzo Egidio tra le nuvole, sulla luna e in mezzo alle stelle, giocando con i fiori e gli insetti che si animano, per poi tornare a casa la sera dal suo Armandone.

Dopo il grande successo riscosso fin dalla prima uscita, le avventure della Pimpa sono state riproposte attraverso diversi format. Nel 1987 la Franco Panini Ragazzi stampò un giornale esclusivamente dedicato alle sue avventure, con uscita mensile, apprezzato soprattutto dai bambini più piccoli. Sempre nello stesso anno furono prodotte due serie a cartoni animati per la televisione, una da 50 episodi di 10 minuti Serie La pimpa che fu poi interrotta perché richiedeva troppo lavoro, e un’altra ancora in corso Le nuove avventure della pimpa con, per ora, 20 episodi da 5 minuti l’uno. Le musiche di quest’ultima serie, che ha avuto diffusione e programmazione internazionale, vincendo anche il premio “Cartoon On the Bay” sono state realizzate da Beppe Crovella, autore anche della sigla e creatore delle sonorizzazioni e dell’effettistica audio. 

Nel 1998 la Pimpa appare anche in teatro, con lo spettacolo Pimpa cappuccetto rosso e Pimpa, Kamillo e il libro magico, seguito nel 2003 da Pimpa sogni d’oro, realizzati dal Teatro dell’Archivolto, e riproposti in DVD.

Dal 2009 L’editore Franco Panini ha pubblicato all’interno della collana Piccole storie numerosi racconti della Pimpa tra cui anche quello che vi proponiamo oggi Nuvole a primavera.

Nel 2011 viene prodotta una nuova serie della Pimpa, attualmente in onda su Rai YoYo.

Il fine settimana di Ocarina #23 – Festival Internazionale “Visioni di futuro, visioni di teatro…”

Questo fine settimana vi segnaliamo un evento imperdibile pensato soprattutto per famiglie con bambini piccoli. Si tratta del Festival internazionale di teatro e cultura per la prima infanzia “Visioni di futuro, visioni di teatro…”che si tiene al Teatro Testoni Ragazzi di Bologna da sabato 24 febbraio al 5 marzo. Dieci giorni dedicati al teatro per bambini da zero a sei anni con 26 spettacoli in 42 repliche, presentati da 20 compagnie e con artisti e operatori da quattro continenti.

Ricco anche il calendario degli appuntamenti con la formazione e l’aggiornamento per gli adulti, con laboratori d’arte per educatori e insegnanti, conferenze e focus su esperienze internazionali, dedicati a Cuba e alla Norvegia. 

Per i bambini la novità di quest’anno è la presentazione dei primi cinque spettacoli Wide Eyes, realizzate da 5 differenti paesi,  Belgio, Danimarca, Italia, Polonia e Romania, con l’intento di ritrovare la capacità di stupore dei bambini nella pratica artistica, mettendola al centro della produzione teatrale dedicata alla prima infanzia. Wide Eyes, infatti, è l’azione di  coproduzione  del progetto “Small Size – performing arts for early years finanziato dal programma Creative Europe dell’Unione Europea, che ha l’obiettivo di diffondere il teatro per i più piccoli e impegna La Baracca-Testoni Ragazzi come capofila.
Tra le 11 compagnie straniere spicca poi la forte presenza di ospiti dal continente africano, coi sudafricani Magnet Theatre e Pillow Fort Production, assieme alla Compagnia Shazama dal Camerun.

In occasione del Festival sei giovani artisti, provenienti dall’estero e da diversi ambiti disciplinari, avranno la possibilità di incontrare i bambini all’interno dei nidi e delle scuole d’infanzia. È “Artist meet early years”, un’opportunità per testare il proprio lavoro, raccogliere reazioni, incrementare la propria personale ricerca artistica stando a diretto contatto coi più piccoli.  Con “Open Window”, invece, un gruppo di artisti di Assitej Cuba incontrerà da vicino nuove esperienze di teatro per i piccolissimi. 

Di seguito segnaliamo gli spettacoli in programma questo fine settimana:

Venerdì 24 febbraio
ore 18.30 – da 3 a 6 anni
EKHAYA / Casa. Una produzione Magnet Theatre (Sudafrica). Canti coinvolgenti ispirati a diverse tradizioni sudafricane creano uno spettacolo che esplora la relazione fra i bambini e lo spazio domestico.

Sabato 25 febbraio
ore 10 – da 2 a 5 anni
MEKAIH / Le Strade del legno. Una produzione Magnet Theatre (Camerun). Semi, radici, alberi, legna da ardere, bastoni e carta: queste sono le molteplici vite del legno. Lo spettacolo porta i piccoli spettatori alla scoperta delle caratteristiche di questo materiale, così amichevole, melodioso e flessibile a prescindere dalla forma. Davanti agli occhi dei bambini si aprirà un mondo di suoni e ritmi, di motivi e disegni sulla vita del legno nel mondo.
ore 11 – da 2 a 5 anni
JUST HERE / Proprio qui. Una produzione Pillow Fort Production (Sudafrica). Just Here è uno spettacolo di burattini. Racconta la storia della piccola Kodu, che non può alzarsi dal letto fino a quando, con un po’ di magia, la fantasia e i burattini danno vita al suo mondo.
ore 18 – da 4 a 8 anni
L’ARPA MAGICA. Una produzione La Baracca – Testoni Ragazzi. Una dolce storia d’amore, che in un intreccio magico di suoni, danze e parole, rivelerà i misteri del bosco.

Domenica 26 febbraio
ore 10 – da 2 a 5 anni
MEKAIH / Le Strade del legno
ore 11 – da 1 a 4 anni
UNA STORIA SOTTOSOPRA. Una produzione La Baracca – Testoni Ragazzi. Due personaggi surreali abitano su piani diversi, si muovono su lati opposti e osservano le cose da due diversi punti di vista.
ore 16.30 – da 1 a 4 anni
PERNUTA SOMNOROASA / Piccolo cuscino assonnato. Una produzione Teatrul Ion Creanga (Romania). Gli occhi dei bambini sono sempre spalancati, e quando arriva l’ora di dormire, si spalancano ancora di più! Quando le luci si spengono, i bambini accendono l’immaginazione, e le storie spiegano le loro ali. Nelle ore del mistero e della meraviglia si inventano nuovi giochi.
ore 17.30
EKHAYA / Casa – da 3 a 6 anni

Qui è possibile trovare il programma completo di tutti gli appuntamenti del Festival.

Per informazioni e prenotazioni: 051 4153700 dal martedì al venerdì dalle ore 14.00 alle 17.00.

Il fine settimana di Ocarina #22 – Firenze Libro aperto

Questo fine settimana non possiamo proprio mancare alla prima Edizione della Fiera del Libro che si terrà a Firenze (Padiglione Spadolini – Fortezza da Basso), da domani venerdì 17 a domenica 19.

Si tratta del  primo importante appuntamento per l’editoria organizzato nel capoluogo toscano a cui sono stati invitati tutti gli editori nazionali.
Numerosi gli eventi in programma: presentazioni di libri, incontri con autori, laboratori e perfino spettacoli e concerti.

E’ prevista un’intera area dedicata ai ragazzi e bambini, che sarà curata da Teresa Porcella e dall’associazione culturale SciogliLibro e che ospiterà per tutti e tre i giorni del Festival eventi di altissima qualità.

Partiamo dalle presentazioni di libri per l’infanzia che avranno come ospiti alcuni degli autori più importanti del settore, come Domenico Barillà, Fabio Geda, Federico Taddia, Sara Marconi, Patrizia Rinaldi, ecc. e  illustratori come Pep Montserrat, Otto Gabos, Tuono Pettinato, Arianna Papini, Sophie Fatus, Fuad Aziz, Simone Frasca.

In programma anche molti laboratori d’arte, musica e illustrazione dedicati a bambini ed ai loro genitori. Di seguito vi segnaliamo i laboratori rivolti ai bambini più piccoli (3-6 anni):

* MI DISEGNI UN PICCOLO PRINCIPE? Laboratorio di lettura e illustrazione a cura di Scioglilibro BABALIBRI Per bambini di 3-5 anni

* ANCHE GLI ALBERI HANNO UNA VITA Laboratorio d’illustrazione con Francesca Pirrone TERRA NUOVA Per bambini di 3-6 anni

* SOLE E MARE Laboratorio di lettura e arte con Fuad Aziz MATILDA Per bambini di 3-16 anni.

Ricca anche la selezione di spettacoli e concerti, molti dei quali sono adatti anche ai bambini in età prescolare:

* LA LEPRE PAZZA Racconto teatrale interattivo con Giuliana Piroso ISOTS-LIBRI VOLANTI Per bambini 3-6 anni

* NOTTE E GIORNO Incontro con musica e immagini dal vivo con l’autrice Teresa Porcella e con l’illustratrice Sophie Fatus FRANCO COSIMO PANINI Per bambini di 3-6 anni

* BUCHI, BACI, MANI, VOCI Spettacolo di musica e immagini con Teresa Porcella FRANCO COSIMO PANINI Per bambini di 4-7 anni e famiglie

* LA FAMIGLIA ROCCAROLLA Concerto Rock per bambini con Marco Morandi e Matteo Giannetti Per bambini e ragazzi di 3-10 anni.

Infine, fuori del Programma Ragazzi, vi segnaliamo per sabato 18 alle 18,00 la performance musicale di Vinicio Capossela che sicuramente piacerà anche ai piccini. Il cantautore omaggerà Modigliani insieme a Maurizio Bellandi, autore di “Amedeo Modigliani. Le pietre d’inciampo”(Sala Musica Spazio Orchidea)

Qui è possibile scaricare il Programma Ragazzi e il Programma Completo della manifestazione

L’ingresso alla fiera è di € 10

Bambini fino a 11 anni: ingresso gratuito. Ragazzi da 12 anni a 17 anni: ingresso 5 euro. Abbonamento per i tre giorni: 20 euro (presentando la tessera coop: 18 euro)

Il fine settimana di Ocarina #20 (3-4-5 febbraio)

Questo fine settimana andiamo in gita a Torino, dove tra teatri, musei, parchi e molte iniziative pensate per bambini e famiglie, c’è sicuramente molto da divertirsi.

Domenica il primo appuntamento imperdibile al Teatro Vittoria della rassegna di teatro musicale: Raccontami una nota. Favole musicali per famiglie. Si tratta di una iniziativa organizzata dall’Unione Musicale di Torino, con in programma sei spettacoli che si terranno sei domeniche pomeriggio e che hanno l’obiettivo di avvicinare i più piccoli alla musica classica, emozionandoli attraverso le avventure di baroni, principi e imperatori, personaggi strampalati e compositori immortali. La musica sarà la vera e propria protagonista degli spettacoli, in un intreccio di suoni, parole, immagini, video, danza…

Domenica il primo appuntamento alle 16,00 con PLOF, liberamente ispirato a “Il trattamento Ridarelli” di Roddy Doyle. Uno spettacolo pensato per i bambini comico e spiazzante, un’autentica esplosione di allegria dove si intrecciano dialoghi irrazionali, personaggi improbabili, musiche tutte da scoprire. “Chi siano i Ridarelli nessuno lo sa. Nessuno sa esattamente come siano fatti perché nessuno, o quasi, li ha mai visti. No, il loro “trattamento” non consiste nel solleticare le vittime fino a farle morire di risate; ha invece a che fare con la cacca: pestare un’abbondante popò di cane è la giusta punizione che i Ridarelli infliggono agli adulti che puniscono i bambini senza ragione.”

Diventata ormai una Onlus leader nell’organizzazione di concerti di musica classica, l’Unione Musicale di Torino, ha deciso da qualche anno di rivolgere sempre più le sue attività ai giovanissimi. Ecco allora, accanto alla programmazione istituzionale di concerti e alla nutrita programmazione per le scuole, diverse iniziative per bambini che tanto successo hanno incontrato nella scorsa stagione.

Oltre a “Raccontami una nota”, torna da febbraio Ateliebebè. Primi suoni con mamma e papà, format con cadenza mensile, la domenica mattina, per bimbi da 0 a 24 mesi. Stesso ritmo e stesso giorno per il nuovo laboratorio Noteingioco. Divertirsi con la musica, per i bambini dai 18 ai 36 mesi, ideale prosecuzione del percorso di avvicinamento alla musica di Ateliebebè.

Qui è possibile consultare il programma completo delle iniziative per bambini.

Il fine settimana di Ocarina #18 (20-21-22 gennaio)

Questo fine settimana Ocarina vi invita a partecipare al suo bellissimo party per bambini, il “KIDS RAVE: DANCE OFF by Ocarina” che si tiene sabato 21 gennaio dalle 16.00 alle 18.00 presso IED Firenze (Via Maurizio Bufalini 6/R). La festa saràl’appuntamento di chiusura della presentazione dell’anteprima di KDSGN – we were kids, organizzata dalla sede fiorentina dell’ Istituto Europeo di Design in collaborazione l’agenzia Robert Cutty di Milano, in occasione di Pitti Bimbo 84. L’obiettivo è quello di creare una manifestazione parallela alla kermesse fiorentina sulla moda, nella quale il contesto “MODA BIMBI” possa aprirsi alla città ed al territorio con contenuti di qualità per bambini e famiglie.

Durante l’evento totalmente gratuito che si tiene in tutta la giornata di sabato 21 gennaio, i bambini diventeranno veri stilisti aiutati dagli studenti IED Firenze e si immergeranno in prima persona nel mondo del design, della creatività e della progettazione guidati da Nicolò Beretta. Un vero e proprio “enfant prodige of footwear” Designer e fondatore della linea di calzature Giannico, le cui creazioni sono state indossate sul red carpet di Hollywood da donne del jet set internazionale, tra cui Lady Gaga. 

Durante il Workshop: CAMMINA CAMMINA in programma per la mattina, il Designer Nicolò Beretta (Giannico) condurrà 20 bambini dai 6 ai 12 anni nella progettazione di una calzatura di loro fantasia. A supportare  questa attività, i materiali di prestigio che i piccoli designer avranno a disposizione per i loro progetti saranno: le carte da parati per l’arredo contemporaneo Wall & Decò , i tessuti danesi per l’arredamento KVADRAT, ed i nastri in Carta Washi  prodotti dalla Giapponese MT Masking Tape, che li produce dal 1923.

Durante la mattinata ci sarà spazio anche per una breve conferenza rivolta ai genitori dei piccoli designer, durante la quale Alessandro Colombo, Direttore IED e Paola Ogliari, CEO Robert Cutty, illustreranno il progetto KDSGN – we were kids (ore 11 – 12.30). Nel pomeriggio gli adulti potranno liberare la fantasia, con l’Operazione Arcimboldi, laboratorio creativo di design a cura delProfessor Francesco Schianchi, per chi vuole riscoprire il proprio lato bambino. Al termine del laboratorio bambini e adulti confronteranno le proprie opere in un divertente défilé(ore 14 – 16.30).

A conclusione della giornata, dalle 16.00 fino alle 18.00 il KIDS RAVE: DANCE OFF by Ocarina”, una festa per bambini aperta a tutti a ingresso gratuito, durante la quale i bambini potranno sfoggiare la propria passione per la musica e il ballo. In consolle DJ Ghiaccioli e Branzini, mentre a gestire il dance floor saranno animatori professionisti e studenti IED (ore 16.30 – 18). Al termine delle danze merenda gratis per tutti!

Il boom degli audiolibri, i nuovi cantastorie 2.0

Scoppia il boom per gli audiolibri, i moderni e tecnologici cantastorie che un tempo andavano in giro a cantare e declamare le sue storie per paesi e città.

Ad annunciarlo è l’Association of American Publishers secondo i cui studi, il ricavo da audiolibri scaricati negli Stati Uniti è cresciuto del 38% nel corso del 2015. Il trend non è cambiato nel 2016, tanto che Audible, il più grande produttore e rivenditore di audiolibri, acquistato da Amazon, sostiene che i suoi clienti di tutto il mondo, lo scorso anno hanno ascoltato circa 2 miliardi di ore di programmazione, il doppio del 2014.

Anche nel 2017 si prevede un‘ulteriore crescita del settore: intervistata dal Publishers Weekly, Amanda D’Acierno, responsabile della “Penguin Random House Audio“una delle delle più grandi case editrici produttrici di audiolibri nel mondo,  sostiene che nel 2017 saranno registrati più di 1.100 titoli, rispetto ai quasi 900 nel 2016.

Sebbene i mercati più ricchi per l’audiolibro siano ancora oggi gli USA e la Germania, anche in Italia qualcosa sta cambiando.

Secondo i dati dell’AIE (Associazione Editoria Italiana), nel nostro paese i lettori sembrano sempre più avere un approccio digitale. Vitale in particolar modo è la tendenza al self-publishing: quasi un titolo su due (il 41,4%) degli ebook pubblicati viene da modalità di autopubblicazione, per un totale di 27-28mila persone che si sono pubblicate in autonomia. Fra i generi self-published più in crescita, oltre alla narrativa, anche la non-fiction pratica, soprattutto guide per il tempo libero (16,7% della produzione totale, quando nel 2010 erano al 8,9%) ma anche i libri per bambini.

Gli audiolibri in particolare piacciono a chi non ha il tempo di sedersi in poltrona per gustarsi un bel romanzo, a chi purtroppo per motivi di disabilità, temporanee o permanenti, non può leggere, ma soprattutto ai bambini.

Sempre secondo i dati dell’AIE gli audiolibri per bambini dominano, infatti, il mercato: il 44,8% tra quelli venduti sono destinati ai più piccoli.

Gli audiolibri vengono considerati dai genitori, ma anche dagli insegnanti un ottimo strumento educativo, un sistema capace di integrare perfettamente il divertimento con l’insegnamento e l’educazione.

Ormai anche tutti gli psicologi dell’età evolutiva sostengono che l’educazione all’ascolto sia importante non solo per lo sviluppo cognitivo del bambino, ma anche per sua la formazione globale.  Secondo Jerome Bruner (psicologo statunitense che si è occupato di Psicologia cognitiva e di Psicologia dell’educazione), ascoltare le favole permette lo sviluppo di quello che lui definisce “pensiero narrativo”, che sarebbe la capacità cognitiva attraverso cui le persone strutturano la propria esistenza e le danno significato.

Allo stesso tempo anche l’ascolto della musica viene considerato fondamentale per lo sviluppo del bambino da diversi metodi. Uno dei punti che hanno in comune il metodo Montessori e quello Steineriano è appunto la convinzione che l’ascolto della musica sia un elemento essenziale di un’educazione che sviluppa i principi di libertà, autonomia, collaborazione, partecipazione, rispetto, solidarietà.

Partendo da tali presupposti, la missione di Ocarina è appunto quella di diffondere e stimolare l’ascolto di contenuti audio di qualità per la prima infanzia. Negli anni ha realizzato collaborazioni con importanti realtà italiane e straniere produttrici di contenuti per bambini: dalla francese “Bloom – la radio des enfants” realtà parigina che sviluppa contenuti audio ricchi e variegati da far ascoltare ai bambini, a Storynory il più importante produttore indipendente inglese che da oltre 15 anni realizza audio fiabe per la prima infanzia, fino al conosciuto editore tedesco Vorleser.net che produce racconti destinati ai bambini.

Oggi Ocarina ascolta #17 “Pryntyl” di Vinicio Capossela

 

Per sconfiggere il Blue Monday, il giorno più triste dell’anno, oggi vogliamo farvi ascoltare “Pryntyl”, una canzone di Vinicio Capossela, pubblicata nel 2011, ma tutt’ora molto passata dalle radio e amata dal pubblico.
Proprio stanotte Capossela sarà protagonista di un evento speciale, “La Focara” di Novoli (LE) il grande falò del Mediterraneo che ogni anno il 16 gennaio viene dedicato Sant’Antonio Abate ed illumina le notti del Salento.

L’appuntamento che prevede oltre 100.000 partecipanti, si articola in diverse giornate, ma la sera di lunedì 16 è certamente quella in cui è previsto il maggiore afflusso. Dopo l’accensione della pira, alta 25 metri e larga 20, che darà vita ad un accattivamte spettacolo pirotecnico, seguirà un grande concerto con ospite d’onore Capossela.  Lui stesso ha definito questo live un vero e proprio rito propiziatorio, per dare fuoco alle polveri del nuovo tour teatrale “Ombra. Canzoni della Cupa e altri spaventi”, che partirà il 27 febbraio da Torino.

Assistere ad un suo show è un po’ come fare un salto nel mondo immaginario delle favole che da bambini popolavano la nostra fantasia. Forse è per questo che Capossela piace ai grandi ma anche ai più giovani. In particolare il suo penultimo lavoro “Marinai, profeti e balene”, si rivolge ai ragazzi di oggi proponendo loro un patto: “La mia musica vi porterà sulla nave della fantasia. Voi, però, provate a buttare via tutti quei telefonini”.Vi lasciamo quindi con “Pryntyl”, brano estratto da quest’ultimo album, il cui bellissimo video è stato realizzato dal  regista fiorentino Virgilio Villoresi.

 

 

Il fine settimana di Ocarina #17 (13-14-15 gennaio)

In questi giorni di freddo con temperature così inclementi che cosa c’è di meglio che andare a teatro con i nostri bambini? Dopo un’attenta ricerca di spettacoli adatti ai più piccoli, partiamo per Bologna, dove al Teatro Testoni Ragazzi, la compagnia La Baracca propone un programma di appuntamenti pensati esclusivamente per la prima infanzia. Attiva ormai da 40 anni La baracca è una delle rare compagnie in Italia e all’estero attente a questa fascia d’età tanto che negli anni ha reso il Teatro Testoni un punto di riferimento nazionale e internazionale nel settore. 

Anche questo fine settimana gli spettacoli proposti sono molto interessanti e siamo certi che con la loro semplicità,ma allo stesso tempo una notevole qualità artistica, riusciranno a coinvolgere i giovani spettatori.

Il primo appuntamento è venerdì 13 alle 21,00 con Robin Hood, diretto da Valeria Frabetti. Lo spettacolo consigliato soprattutto ai bambini da 6 a 10 anni, racconta la storia del Principe dei ladri, Signore della foresta, Re dell’estate. Robin Hood è una leggenda, un sogno, un’utopia di gioco, di giustizia e d’amore. Tutti abbiamo un piccolo Robin nascosto nel nostro cuore e forse anche un piccolo, cattivissimo sceriffo che ogni tanto si affaccia in un angolo oscuro della nostra anima.

Sabato 14 gennaio alle 16,30 è in programma “Avventure nel frigorifero” un appuntamento per bambini molto piccoli, da 1 a 4 anni, che mette in scena un’avventura surreale attraverso un gioco di trasformazioni e apparizioni.Tutto nasce in una cucina normale, una cucina come tante. Una cucina con un frigorifero, un tavolo, una stufa, delle sedie… All’improvviso arriva un messaggio: è una richiesta d’aiuto! Il messaggio è portato da messaggeri imprevedibili. Sono i mobili della cucina ad animarsi e a diventare i “messaggeri”.
Qualcuno sta chiamando, sta chiedendo aiuto e non si può non ascoltare, bisogna partire per trovare la fonte di quel richiamo. Si deve partire insieme ai messaggeri… È così che i mobili della cucina si trasformeranno, diventando mezzi di trasporto o luoghi lontani.
Ha inizio l’avventura che, come in una caccia al tesoro, si svilupperà di tappa in tappa. Durante il viaggio si incontreranno tanti animali, reali e fantastici, che aiuteranno nella ricerca fino a raggiungere proprio chi chiedeva aiuto… 

Infine domenica 15, alle 16,30 sarà in scena “Il bagnetto”, un divertente spettacolo, consigliato a bambini dai 4 agli 8 anni. Due uomini attendono impazienti il proprio turno a una toilette pubblica che tarda a liberarsi.
Stanchi di aspettare, decidono, anche per curiosità, di entrare nel bagno riservato ai bambini…
Una specie di incantesimo, uno strano gioco di proporzioni e di dimensioni, porterà i due protagonisti dentro un bagno enorme, molto più grande di loro, tanto da farli apparire al pubblico alti quanto un bambino.
All’inizio, anche se stupiti e a disagio, i due manterranno un comportamento “da adulti”, facendo finta che non ci sia nessun problema a lavarsi le mani in un lavabo alto tre metri.
Poi, quasi inconsciamente, ritroveranno un atteggiamento ludico che li porterà a divertirsi giocando con oggetti giganti. 

Oltre ad un programma ricco di eventi che si tengono per tutta la stagione teatrale 2016-2017, uno degli appuntamenti più importanti portati avanti ormai da 13 anni dalla Compagnia La Baracca, è il Festival internazionale di teatro e cultura per la prima infanzia “Visioni di futuro, visioni diteatro…” che si terrà dal 24 febbraio al 5marzo 2017.

Ci diamo quindi appuntamento per fine Febbraio per questo bellissimo vento!

Ocarina consiglia # I migliori eventi per festeggiare la Befana

Ultimi giorni di vacanze natalizie da trascorrere ancora a giro per l’Italia, si perché domani è però un giorno speciale… arriva la Befana!

Per l’occasione Ocarina svolazzerà nelle piazze e nei teatri di alcune città dove sono in programma eventi organizzati per festeggiare la vecchietta volante.

Partiamo da Milano dove al Teatro Ringhiera alle ore 16 si tiene uno spettacolo “befanizio” comico e interattivo dal titolo “La Befana si è arrabbiata!”
L’Epifania è alle porte e mentre tutti sono felici una sola persona si dispera e si arrabbia sempre più a mano a mano che si avvicina il grande momento… la Befana!
Alla fine dello spettacolo, organizzato da  Ditta Gioco Fiaba saranno distribuite calze della befana per tutti i bambini!. L’ingresso è di 6 euro.

Rimanendo a Milano, al Museo di Storia Naturale di Milano venerdì 6 gennaio si tiene “Il Girotondo della Befana” A cura di ADM. Un divertente appuntamento dedicato ai piccoli visitatori del Museo che farà incontrare loro una Befana inaspettata: la giusta formula magica, ad ogni missione compiuta, renderà la sciatta nonnina una vivace giovincella. Visita e gioco a pagamento con prenotazione obbligatoria a desk.adiemme@gmail.com. Sempre a cura di ADM, Alle ore 15 arriva “Il quiz della Befana”. La Befana è famosa per essere una generosa vecchina ma dall’aspetto, decisamente, poco gradevole: in Museo moltissimi esemplari condividono con lei un naso “importante”. I partecipanti andranno a cercare quali animali hanno buffi e stravaganti nasi e termineranno l’attività con un divertente “befana-quiz”. Visita e gioco a pagamento con prenotazione obbligatoria adesk.adiemme@gmail.com Attività a pagamento, per bambini dai 6 agli 11 anni.

Scendiamo a Bologna dove il 6 gennaio alle 15,30 al Museo del Patrimonio Industriale, viene organizzato il laboratorio della Befana per ragazzi.
Sbirciando nel quaderno di laboratorio della Befana si daranno vita a schiumose reazioni chimiche, esercizi di levitazione elettrostatica e prove di cucina stregata!
La Befana ha portato regali per tutti ma per giocarci i ragazzi dovranno decifrare dei messaggi nascosti nelle calze; aiutarla a realizzare curiose reazioni chimiche come “il dentifricio dell’elefante” per scoprire i segreti delle schiume, oppure a compiere bizzarri esercizi di levitazione elettrostatica e prove di cucina stregata, scoprendo così che dietro la dolce vecchina si nasconde in realtà un’esperta scienziata!
.
L’ingresso è di 4 euro  (gratuito per un accompagnatore adulto)

A Firenze al Museo Galileo alle 11.00 è in programma un evento eccezionale: “In viaggio con i Re Magi. Gli antichi strumenti per l’osservazione del cielo“. L’affascinante viaggio dei Re Magi sarà raccontato dall’operatore attraverso l’osservazione di alcune rappresentazioni pittoriche e l’uso di repliche di antichi strumenti astronomici. Il costo è di 3 euro. Sempre a Firenze, al Museo di Paleontologia è prevista inoltre un’immersione/visita alla nuova Sala della Balena. L’attività prevede la visita riservata ai bambini alla Sala della Balena, mentre gli adulti saranno accompagnati in una visita al museo. Il percorso si concluderà in Sala Strozzi con la distribuzione dei doni portati dalla Befana. Costi: 6 euro per gli adulti; Gratuito per bimbi e ragazzi fino ai 12 anni.

Sempre in Toscana, ma a Lucca, si tiene al Teatro del Giglio il concerto di Befana in Omaggio a Prince. L’appuntamento, ad ingresso libero fino ad esaurimento posti, è per venerdì 6 gennaio, alle 17,30.Per la prima volta a teatro, Rockopera e Metropolis propongono un omaggio all’opera integrale del lavoro di questo grande artista, attraverso uno dei capisaldi della sua musica: lo spettacolo “Purple Rain” sarà l’occasione per percorrere un viaggio nel mondo di un musicista da molti ritenuto insuperabile.

Tra le numerose feste organizzate a Roma per celebrare l’arrivo della befana, vi segnaliamo lo spettacolo L’apprendista Befana che si tiene  venerdì 6 gennaio, alle ore 11, al Teatro Furio Camillo. Un divertente e magico racconto per tornare indietro nel tempo fino alle origini della figura tanto amata e forse un po’ temuta della befana. Come nasce la figura della vecchina che porta dolci ai bambini? Uno spettacolo sulla figura della Befana condito da magia, animazione, travestimenti e bolle di sapone. Tradizioni e racconti popolari legati all’Epifania vengono portati ai bambini in maniera originalissima attraverso l’uso di materiale di recupero.
Sempre il 6 gennaio, alle ore 17, al Teatro Biblioteca Quarticciolo la Compagnia TeatroViola mette in scena lo spettacolo musicale per famiglie “Le calze e il baule – una Befana a sorpresa”Ma la Befana esiste o no? Due ragazzine avventurose, alla ricerca della verità, si intrufolano nottetempo in un teatro, luogo di magie e stranezze per eccezione. Sul palco troveranno un vecchio clavicembalo, un baule pieno di strani oggetti e un pianista fantasma appena risvegliato da un lunghissimo sonno. Come spiegare a un gentiluomo del settecento cos’è la Befana e perché è così importante per i bambini? A venire in aiuto saranno la musica e le canzoni cantate e suonate dal vivo in scena da un concertista d’eccezione e due attrici-cantanti. Riuscirà la strana combriccola a dimostrare che la Befana ESISTE?

Infine a Napoli vi consigliamo: “La Befana per i figli dei migranti”.  Nell’ambito del progetto “aiutami a leggere” – sviluppato con il supporto di MERIDONARE – il giorno dell’Epifania iocisto diventa la libreria dei piccoli migranti, ospitando bambini nigeriani dai 5 agli 8 anni. Grande festa per tutta la famiglia anche alla Città della Scienza, dove il giorno della Befana dalle ore 10 alle ore 14 si tengono numerosi e divertenti eventi di scienza, arte, ma anche giochi, e travestimenti. L’ingresso è gratuito per i bambini fino a 12 anni.

Buona Befana a tutti!!