Free ShipmentWarranty 24 monthsMade in Italy

The Pond - Il Blog di Ocarina

Il fine settimana di Ocarina #104 La casa nel cassetto – Spazio Teatro 89 (MI)

Questa domenica allo Spazio Teatro 89 di Milano si tiene uno spettacolo per i piccolissimi, destinato a  baby-spettatori di età compresa tra i 18 e i 36 mesi. Si tratta del quarto appuntamento della rassegna “Teatro Piccolissimo… e non solo” che continuerà fino al 24 marzo 2019.

 Per l’occasione la compagnia Le Rondinispecialista in teatro per la prima infanziaporterà in scena La casa nel cassetto: una simpatica storia che ha come protagonista la piccola Pippi alle prese con le semplici azioni della vita quotidiana: mangiare, lavarsi, giocare e dormire….Pippi si trova in una casetta tutta colorata, magica e imprevedibile animata da mani che escono da piccole finestre. Nel frattempo, di notte, una cascata di colori renderà piacevoli i suoi sogni…
Come in tutte le loro rappresentazioni per la prima infanzia, anche in questo spettacolo gli attori della compagnia Le Rondini utilizzano una forma di comunicazione non verbale, dove il gesto e la danza, accompagnati sempre dalla musica, sostituiscono la parola.

Di seguito i prossimi appuntamenti del 2018:
Domenica 2 dicembre Un pezzettino d’inverno (18-36 mesi) della Compagnia Nuvole in tasca
Domenica 16 dicembre A Spasso con Olivia (1-4 anni) della Compagnia CTA Gorizia

Qui è possibile trovare il programma completo 2018/2019 della rassegna. Qui sono riportate tutte le info su tutti gli eventi musicali e culturali, spettacoli teatrali, mostre che ogni mese lo Spazio Teatro 89 ospita nel suo auditorium polifunzionale. 

Oggi Ocarina ascolta #103 – Sigla: La canzone dei Puffi

Tanti auguri ai Puffi che la scorsa settimana hanno compiuto 60 anni! Per l’occasione Ocarina ascolta la sigla La canzone dei Puffi, un vero tormentone con cui sono cresciute ben tre generazioni di bambini! 

Nati nel 1958 dal disegno creativo del belga Pierre Culliford in arte Peyo, i buffi folletti blu divennero  famosi negli anni ’80 grazie alla serie tv (ancora oggi replicata) di Hanna & Barbera. 

Da Puffetta a Quattrocchi e Tontolone, i Puffi continuano ancora oggi a divertire i bambini tanto da essere considerati un fenomeno mondiale con più di 50 milioni di fumetti venduti, una serie Tv di 272 episodi trasmessa in oltre 100 paesi, un canale YouTube tradotto in 41 lingue, 3 film… 

In Italia, a contribuire al successo della serie animata è stata senza dubbio la musica.

Sebbene la maggior parte delle sigle dei Puffi siano state incise da Cristina D’Avenache nella sua carriera ha realizzato circa una trentina di singoli a tema Puffi, i primi episodi avevano invece una sigla interpretata da Victorio Pezzollamusicista argentino naturalizzato italiano creatore di colonne sonore e spot televisivi.

Oggi Ocarina propone la sigla più conosciuta, incisa da Cristina D’avena nel singolo  Canzone dei Puffi che nel 1982 ottenne il Disco d’Oro per aver superato le 500mila copie vendute.

Qui è possibile acquistarla

Di seguito il video

Ocarina e i bambini prematuri: il progetto di “Les Fées prema en PACA”, Associazione a sostegno delle famiglie di prematuri

Da circa un mese Ocarina ha avviato una collaborazione con  Les Fées prema en PACA l’associazione francese con sede in Provenza che ha lo scopo di fornire sostegno alle famiglie di bambini prematuri.
Per noi è un’emozione bellissima vedere le foto di Ocarina insieme a bambini piccolissimi, ma soprattutto pensare che possa offrire loro un’accoglienza musicale, aiutandoli a rendere meno traumatica la loro nascita, avvenuta prematuramente.
Ormai molti studi scientifici dimostrano che nella pancia il bambino è in continua relazione sonora con la mamma, attraverso stimoli come il battito cardiaco, la respirazione, il flusso circolatorio e naturalmente la voce. Al momento della nascita, oltre al contatto fisico rassicurante del corpo materno, il piccolo perde anche il riferimento a questo insieme di suoni conosciuti. Una perdita per lui tanto più traumatica quando il parto avviene pretermine.

 Ed è proprio per questo motivo che l’Associazione Les Fées prema en PACA  sta portando avanti un progetto che ha l’obiettivo di permettere al personale infermieristico, alle ostetriche e ai volontari dell’associazione di far ascoltare ai bambini la registrazione della voce delle loro mamme nei momenti in cui queste si allontanano, ma anche di mettere la musica durante le fasi di risveglio. Il tutto naturalmente in stretta collaborazione con i genitori che vengono coinvolti nel creare playlist di brani con le registrazioni delle loro voci,  musiche che i bambini hanno sentito in utero e tracce sonore appositamente adattate .

Nathalie San – Juan, mamma di un’ex prematura e vice presidente dell’Associazione che lavora all’ospedale di Aix en Provence, nel reparto di Neonatologia ci ha contattati per far conoscere Ocarina all’interno del reparto di neonatologia. Già da tempo grande fan e utilizzatrice di Ocarina, Nathalie è  convinta che “il player possa essere lo strumento adatto per aiutare i piccoli ad ambientarsi nel mondo, rendendo meno traumatico il distacco dalla mamma”.

“Già da alcuni anni sappiamo che la musica ha un ruolo terapeutico per i bambini e in particolare per i prematuri. Ocarina è sicura per le orecchie fragili, senza onde e in morbida gomma e questo la rende molto adatta per i bambini piccoli” – Sostiene Nathatalie- a tale proposito abbiamo pensato di mettere a disposizione questo lettore mp3 all’interno del reparto, convinti che possa diventare il loro migliore amico.

Concludiamo così la nostra chiacchierata con Nathalie nella speranza di conoscere i primi riscontri di questo bel progetto che ci sta particolarmente a cuore!

Oggi Ocarina ascolta #102 – Sigla: L’Uomo Tigre

Oggi Ocarina ricorda Keiichiro Kimura, storico animatore giapponese dell’Uomo Tigre, che ci ha lasciato qualche giorno fa. 

Conosciuto da tutti come il Papà dell’Uomo Tigre, Kimura è considerato l’icona dei cartoon degli anni ’80; è stato infatti il regista di molti altri mitici cartoni animati  come Cyborg 009“,  “Mimì e la nazionale di pallavolo“, “Trider G7”, “Sam ragazzo del West” e “Sally la maga”.

Il più famoso rimane senz’altro L’Uomo Tigre, il personaggio con la maschera a forma di tigre che si batte in nome della legalità e che tutti i bambini di quella generazione hanno sognato di essere almeno una volta.

Keiichiro Kimura curò il design dei personaggi della serie e si occupò anche di animare la sigla iniziale, la cui versione italiana, diventata poi leggendaria, fu realizzata dai  Cavalieri del Re, che la pubblicarono nel singolo Angie/L’uomo tigre. 

Qui potete acquistare la sigla
Di seguito il video

Il fine settimana di Ocarina #103 Brilla Museo! – Museo Teatrale alla Scala (MI)

Questo fine settimana il Museo Teatrale alla Scala di Milano apre le sue porte anche ai più piccoli con una serie di iniziative all’insegna del gioco, dell’arte e della magia. L’esperienza è pensata per bambini di età compresa tra i quattro e i dieci anni accompagnati dalla loro famiglia e si articola in laboratori interattivi che esplorano il mondo della musica, recitazione, arte. Tutte le attività sono curati da Augusta Gori, con la collaborazione dell’associazione Ventizero8.

Partiamo con il laboratorio Brilla Museo!  che si tiene sabato 27 ottobre dalle 15,00 alle 16,30 e che è dedicato ai più piccoli (4-5 anni).  Qui i bambini (a partire dai cinque anni) sono invitati a scoprire alcuni segreti del Teatro e a stupirsi davanti alla magia della luce. Affacciandosi sui palchi nella sala del Teatro i giovani partecipanti potranno assistere alla magica accensione delle luci. In un secondo momento impareranno e interpreteranno le note musicali, giocando e scivolando sulla magia delle note. Si darà vita a vere e proprie rappresentazioni teatrali in cui i bambini interpreteranno le note musicali usando degli elementi di costume, mentre gli adulti saranno le onde di un mare di musica! Alla fine del laboratorio sarà costruito un manufatto che poi rimarrà ai partecipanti.

Domenica 28 ottobre 2018 dalle 15.00 alle 16.30 è in programma Buongiorno Museo! Un laboratorio interattivo per bambini dai 6 ai 10 anni che si divide in due fasi fondamentali:

nella prima fase i bambini apprenderanno no­zioni storiche legate alla cultura del teatro, partendo dalla scoperta del Teatro alla Scala. Con il potere del racconto e l’aiuto degli oggetti e dei quadri espo­sti all’interno del museo, i bambini entrano completa­mente in un mondo fantastico, riuscendo a cogliere ogni sfumatura e la loro visione della storia del teatro;
la secondo fase invece si concentra maggiormente sul gioco. I bambini diventeranno dei galeoni, ognuno in rappresentanza di un’opera teatrale diversa, con la quale immergersi nel mare di note musicali.
I laboratori continueranno anche nel mese di novembre e dicembre. Qui è possibile consultare il programma completo

Oggi Ocarina ascolta #101 – Sigla: Mila e Shiro, due cuori nella pallavolo

Oggi Ocarina festeggia l’argento mondiale della nostra nazionale di volley femminile, con la sigla di uno dei cartoni cartoni animati giapponesi sulla pallavolo più famosi: Mila e Shiro, due cuori nella pallavolo. Le stesse atlete azzurre in un’ intervista rilasciata qualche giorno fa in occasione della vittoria della semifinale si erano divertite a cantarla, ammettendo di essere state da piccole delle fan sfegatate di Mila! 

Mila Azuki, protagonista dell’anime, la ragazza dagli improbabili capelli arancioni, che schiaccia le palle come uragani e che ha appassionato generazioni intere di bambine allevando una schiera di aspiranti pallavoliste.

 “Guarda guarda in campo c’è una nuova giocatrice, Mila è il suo nome e talento ne ha per tre”. Solo con il verso della canzone torniamo indietro nel tempo di 30 anni, a quel 25 febbraio 1986 quando su Italia 1 fu trasmesso per la prima volta il cartone Mila e Shiro due cuori nella pallavolo.

Il cartone animato, ripreso dal manga giapponese Attacker, diventerà un titolo di culto per la generazione cresciuta negli anni ’80 e ’90 anche grazie alla sigla cantata da Cristina D’Avena.

Qui è possibile acquistarla

Di seguito il video

Il fine settimana di Ocarina #102 Veneto: spettacoli di mistero

Prende il via questo fine settimana Veneto: spettacoli di mistero, il Festival dedicato alle leggende popolari e ai misteri della regione veneta.

Giunta all 10° edizione, la manifestazione coinvolge ogni anno oltre 80.00 spettatori, proponendo spettacoli teatrali, serate di racconti, concerti, musical, mostre, visite guidate, il tutto all’insegna della magia e del mistero e all’interno di una cornice bellissima come quella delle città e delle province venete. 


Anche quest’anno, dalle Dolomiti alla laguna, passando per isole e boschi, piazze e teatri, castelli secolari e ville, un centinaio di località ospiteranno fino a dicembre storie di streghe, demoni, fate e folletti. Gli eventi trascineranno grandi e piccoli facendo riscoprire tradizioni e degli aspetti più nascosti,  della tradizione veneta, delle sue credenze, delle sue figure fantastiche.

Si parte domenica 21 ottobre con Expo e Misteri a Maras organizzato nel piccolo ed incantevole borgo nel comune di Sospirolo (BL). Di seguito gli appuntamenti dedicati ai bambini:

Ore 10:00 e 16:00 – Lettura animata sulle streghe “Storie dal filò e altri racconti”
Ore 10:30 – Passeggiata naturalistica con visita guidata e degustazione di dolci presso le aziende agricole locali
Ore 11:00 – Spettacolo dei Fratelli AL, un comico ed un giocoliere un po’ dispettosi che si presentano al pubblico manifestando fin da subito il loro scopo: far divertire il pubblico velocemente così da poter andare a casa quanto prima! Il loro intento verrà però vanificato dal volere dei bimbi, i quali non permetteranno ai tre artisti di lasciare il palco in tempi brevi.
Ore 14:30 – Spettacolo col fuoco e le bolle di sapone giganti
Nel pomeriggio si terranno per le vie e le piazze del paese animazioni, trucca bimbi mostruosi e spettacoli di magia per i più piccoli.

Expo e Misteri a Maras sarà un’anticipazione del Festival  Veneto: spettacoli di mistero. Molti sono gli eventi che si terranno le prossime settimane: se siete amanti di storie paurose, fiabe sulle streghe e leggende sui misteri vi consigliamo di non perderveli.

Qui potete trovare il programma completo

Oggi Ocarina ascolta #100 – What a Wonderful World – Joey Ramone

Il centesimo post “Ocarina ascolta” è dedicato a What a Wonderful World, grande canzone scritta da Bob Thiele e interpretata negli anni da moltissimi artisti. Il primo a cantarla, con la sua voce roca ed inconfondibile, fu il famoso jazzista Louis Armstrongche la pubblicò come singolo nel 1967. La versione acquistò poi il massimo della popolarità nel 1988, grazie al suo utilizzo nel film Good Morning, Vietnam.

What a Wonderful World è un inno alla gioia, scritta dal suo autore, come un invito alla scoperta del piacere della vita, della bellezza del mondo e della diversità fra i popoli. Fu pensata infatti come una sorta di antidoto al crescente clima di tensione politico e razziale negli USA e quindi molto attuale anche per giorni nostri.

Ocarina propone What a Wonderful World interpretata da Joey Ramone, voce dei Ramones, storica band punk rock americana. Una delle cover che più è riuscita a trasmettere il significato del brano. Una interpretazione rock da brividi, più carica rispetto all’originale, che Joey Ramone registrò nel suo primo album da solista, Don’t Worry About Me.  Purtroppo il cantante non vedrà mai l’uscita di questo album uscito postumo nel 2002, anno successivo alla sua morte.

Qui potete acquistare la canzone 

Di seguito il video

Il fine settimana di Ocarina #101 Letture per bimbi curiosi – Oasi del piccole lettore (MI)

Mancano poche settimane ad Halloween e già in tutta Italia sono iniziati gli eventi dedicati alla festa più paurosa dell’anno. 

A Milano, presso la libreria Oasi del Piccolo Lettore, per tutto il mese di ottobre, si tengono letture di fiabe e laboratori (tutti ad ingresso gratuito) destinati ai più piccoli, che hanno come tematica centrale la paura. 

Partiamo questo fine settimana con le Letture per bimbi curiosi:

Venerdì 12 ottobre alle 17,00: I cinque malfatti (Topipittori)
I cinque malfatti sono cinque amici molto strani…. Un giorno in mezzo a loro, piomba, lui: il Perfetto. Dopo la lettura laboratorio con la pasta di sale tanti buffi e simpatici malfatti.

Sabato 13 ottobre alle 11,00: Chiedimi cosa mi piace (Terre di Mezzo)
In uno splendido pomeriggio d’autunno, padre e figlia passeggiano nel parco: “Chiedimi cosa mi piace”, dice la bimba. E così una giornata ordinaria diventa un momento unico e prezioso. Dopo la lettura, frottage con foglie e pastelli ad olio.

Sabato 13 ottobre alle16,00: Il meraviglioso Cicciapelliccia (Topipittori)
La piccola Eddie, una bambina vestita color fucsia che pensa di non saper fare niente di niente… Un giorno trova una creaturina aliena e la salva dal bidone della spazzatura per scoprire che… gran finale a sorpresa!
Dopo la lettura, il laboratorio con della carta crespa fucsia per creare un meraviglioso Cicciapelliccia.

Sabato 13 ottobre alle 17,00: Mio padre il grande pirata (Orecchio Acerbo)
Un bambino innamorato del padre. Minatore emigrato in Belgio rientra a casa solo una volta l’anno e a suo figlio porta regali di mare e racconti di tesori perduti e avventure. Suo figlio lo crede un pirata…
Dopo la lettura, il laboratorio per creare le bandiere dei pirati.

Domenica 14 ottobre alle 10,00: Una ricetta miracolosa (Terre di Mezzo)
Nel condominio di Andrea oggi nessuno ha fatto la spesa. Andrea ha solo tre carote, il suo vicino due uova e un po’ di formaggio. Che fare? Per preparare la cena servirebbe proprio un’idea geniale… Un libro divertente sull’importanza della fantasia e della condivisione.
Dopo la lettura, laboratorio con carta, cartoncini e forbici deliziosi per realizzare manicaretti da mangiare insieme.

Domenica 14 ottobre alle 16,00: La mia invenzione (Edizioni Corsare)
Un testo poetico di Silvia Vecchini dedicato al silenzio. Con la consueta profonda semplicità, regala ai bambini qualcosa che è diventato sempre più rara, tanto che la piccola protagonista lo inventa per accogliere momenti particolari della sua giornata.
Dopo la lettura i bambini potranno divertirsi con il gioco“Re del silenzio”.

Gli incontri presso l’Oasi del Piccolo Lettore, non finiscono qui. A fine ottobre sono in programma mille appuntamenti: tra letture e laboratori, una festa a tema Dory fantasmagorica e tutta una selva (di carta) di fantasmi, streghe e scheletri da brivido.

Qui è possibile trovare il programma completo

Oggi Ocarina ascolta #99 – One Love – Bob Marley

Oggi Ocarina ascolta One Love, uno dei maggiori successi di  Bob Marley. 

Scritta e composta a metà degli anni sessanta, la canzone è stata inserita nell’album Exodus, pubblicato nel 1977 ed è stata nominata dalla BBC come la canzone del millennio

One love, one heart
Let’s get together and feel all right…

Così canta l’artista giamaicano nel ritornello del brano …parole che risuonano nelle nostre menti e che ognuno di noi almeno una volta nella vita ha canticchiato. Una melodia dolce ed una cantilena positiva e coinvolgente che parla del semplice potere dell’amore di unire le persone, ma che entrando in profondità si riferisce anche a qualcos’altro: alla guerra, alla tirannia e alla sofferenza.
Ed è infatti grazie a One love e a tanti altri capolavori, che Marley
 divenne negli anni ’80 un eroe per milioni di persone, costruendo un’eredità il cui valore è andato avanti per decenni dopo la sua morte prematura a soli 36 anni.

Qui è possibile acquistare la versione di One Love, cantata da Bob Marley con il suo gruppo The Wailers

Di seguito il video pubblicato dopo la sua morte, nel quale artisti di fama internazionale come Paul McCartney e i Madness, cantano il brano tutti insieme.