La Valigia del Talento. Storie segrete di bambini prodigio – il primo progetto Edu firmato OcarinaSound

In arrivo nuovi ed esclusivi contenuti audio di Ocarina, questa volta con una finalità educativa, rivolti ai bambini in età scolare e alle loro famiglie.
Si tratta di storie registrate in tre lingue che raccontano la vita di 4 enfants prodige e dei loro viaggi, attraverso aneddoti ed esperienze.
Il nuovo progetto che si intitola La Valigia del Talento. Storie segrete di bambini prodigio sarà presentato domenica 25 novembre a Milano, presso la la sezione didattica del Triennale Design Museum ed ha l’obiettivo di stimolare la conoscenza nei bambini di nozioni storiche, culturali e linguistiche in maniera spontanea e coinvolgente anche attraverso suoni e musiche dell’epoca. La realizzazione dei contenuti in italiano, inglese e francese vuole inoltre aiutare a sviluppare l’orecchio linguistico e stimolare il naturale apprendimento delle lingue divertendosi.

Il progetto è stato curato da OcarinaSound da un soggetto di Luca Scarlini,  storico dello spettacolo e autore conosciuto in Italia e all’estero, in collaborazione con Bloom-la radio des enfants, realtà parigina che sviluppa contenuti audio con format innovativi, e Storynory il più importante produttore indipendente inglese che da oltre 15 anni realizza audio fiabe per la prima infanzia.

Istrionico improvvisatore, Scarlini ha scritto e raccontato in esclusiva per Ocarina le vite di bambine e bambini vissuti in diverse epoche storiche e famosi in tutto il mondo, soffermandosi sulle loro esperienze e le loro avventure. Un punto di vista quindi capace di rendere questi personaggi più vicini e simili a noi, pur nella loro straordinaria talentuotosità:

  • Wolfgang Amadeus Mozart, a otto anni viaggia in Italia, dà concerti, scrive sinfonie, scopre la bellezza del cantabile italiano e si innamora delle capriole di Arlecchino;
  • Umm Kulthum, massima cantante araba del Novecento, a otto anni viene vestita dal padre in abiti maschili, per poterla far cantare ai matrimoni e nelle cerimonie sul delta del Nilo; non riprenderà i suoi abiti finché non avrà diciotto anni, al Cairo, come racconta il romanzo di Selim Nassib, “Ti ho amato per la tua voce”.
  • Maria Gaetana Agnesi, milanese, a metà settecento è la prima donna in Europa a insegnare matematica a Bologna. Da bambina parla in greco, in ebraico e dà lezioni di poesia, viaggia subito per l’Europa.
  • Tiziano, nelle montagne del Cadore, a sei anni, con colori ottenuti spremendo il succo di erbe e fiori, dipinge l’immagine della Madonna sui muri della casa paterna.

Da sempre impegnato nella promozione dell’arte e della cultura fin dall’infanzia, Luca Scarlini parla dei bambini prodigio ponendo l’attenzione non tanto sulla loro fama, ma sulla loro vita disagiata, fatta spesso di sofferenze e imposizioni da parte di famigliari o insegnati. “Così come si può ascoltare nelle storie della Valigia del Talento – sostiene l’autore fiorentino- gli enfant prodige vengono ammirati da tutti ma spesso non sono bambini felici: in questa prospettiva il talento è un dono o un problema?”

Negli anni Scarlini ha realizzato molti progetti audio, raccontando favole, in radio, nelle scuole, nei teatri, anche se ci tiene a ribadire che le sue narrazioni sono destinate a tutti, non solo ai bambini: “Non mi piace fare distinzioni tra pubblico adulto e giovane perché penso che semplicemente ognuno interpreta e recepisce le storie in maniera diversa. Sicuramente i bambini sono sono una categoria umana che può sorprenderti, fuori dagli schemi. E’ seducente sedurre un pubblico di bambini”.

Il prossimo 25 novembre presso il Triennale Design Museum sarà Luca Scarlini a raccontare le storie delle Valigia del Talento, mettendo in scena una performance  adatta ai bambini ma anche alle loro famiglie. L’evento è realizzato nell’ambito della Mostra Giro Giro Tondo. Design for Children, presso la quale Ocarina è esposta, e si terrà all’interno nella suggestiva cornice della Balena di Pinocchio.
A partire dalle 15.30, si svolgeranno tre repliche: in italiano alle 15.30 e alle 16.30, in inglese alle 16.00. La durata di ciascuna replica è di circa 25 minuti.
L’ingresso è gratuito, con prenotazione obbligatoria a 
tdmkids@triennale.org