Oggi Ocarina ascolta #182 – Time is on my side – The Rolling Stones

Tanti auguri Mr Jagger! Ieri lo storico leader dei Rolling Stones ha compiuto 77 anni e Ocarina lo vuole festeggiare con una delle sue canzoni dal titolo quanto mai profetico: Time is on my side. Eh sì il tempo passa anche per le leggende, ma nel caso di Jagger proprio non si direbbe. Quest’anno l’inossidabile rocker festeggerà il suo compleanno proprio nella terra di Ocarina, la Toscana e più precisamente nella splendida cornice di Castagneto Carducci, incantevole luogo che ha dato i natali al grande Giosuè Carducci.

Time is on my side fu scritta da Norman Meade  (autore anche di altre canzoni degli anni ’60) e registrata per la prima volta dal compositore e trombonista jazz Kai Winding nel 1963. L’anno seguente fu incisa e pubblicata dai Rolling Stones come singolo. Il brano proiettò la band britannica in una dimensione internazionale, dando il via all’esplosione creativa dei due leader Jagger e Richards. Molti critici musicali sostengono che probabilmente il titolo sia stato interpretato, da parte dei giovani e giovanissimi che ne decretarono il successo, come una orgogliosa affermazione della forza che il tempo dava loro nei confronti degli adulti…

Il successo e la vena creativa della band furono poi confermati nel 1965 con l’uscita di As tears go by, brano dalla melodia delicata, accompagnata da chitarre acustiche e orchestra d’archi. Perfetto anche come ninna nanna rock! Anche As tears go by parla della vita e del tempo, ma questa volta dalla prospettiva di una persona matura, che guarda i bambini giocare e si rende conto del tempo che passa.

Qui potete acquistare Time is on my side. Qui As tears go by

Di seguito il video di Time is on my side in cui Rolling Stones interpretano la canzone davanti a un pubblico di teen-ager (probabilmente americani). Si nota chiaramente il coinvolgimento di questi ultimi, e si nota anche l’invito rivolto loro da Mick Jagger sfruttando la seconda strofa (“Go ahead, go ahead and light up the town”): sono loro, i giovani, che devono andare avanti senza paura e accendere le luci della città.